Carla ACCARDI Biografia

Carla Accardi è stata una delle artiste italiane più originali, versatili e influenti del secondo dopoguerra e rappresenta una delle figure più importanti e riconosciute dell'astrattismo europeo.
Carla (Carolina all'anagrafe) nasce a Trapani nel 1924, dove consegue la maturità classica presso il liceo Ximenes. Successivamente, si trasferisce a Palermo per iscriversi all'Accademia di Belle Arti, che conclude nel 1947. Poco dopo, si sposta a Roma dove inizia a frequentare la frizzante Osteria Fratelli Magni, detta anche Osteria dei Pittori, storico luogo di incontro di artisti e intellettuali dell'epoca.
Sempre nel 1947 insieme ad altri artisti come Attardi, Dorazio, Consagra, Guerrini, Maugeri, Perilli e Sanfilippo (che sposerà due anni dopo) fonda il Gruppo Forma 1.
Nel manifesto pubblicato sulla rivista Forma, il gruppo si dichiara di natura formalista e marxista. I suoi esponenti propongono un'arte strutturata ma non realistica, che mira a restituire alla forma e al segno la loro importanza primigenia, eliminando ogni pretesa simbolista o psicologica.
Nelle opere di Carla Accardi, i fondamenti della pittura vengono ridiscussi cercando di riversarvi il proprio universo interiore.
In questa sua prima fase artistica (ben rappresentata dall'opera Grigio e Colori), Carla Accardi riesce a smentire il preconcetto italiano dell'epoca che legava indissolubilmente la forma e la composizione a contenuti estremamente riconoscibili.
La Accardi, invece, opera su forme ben poco decifrabili, mostrando molto coraggio nella sperimentazione e nell'abbattimento di alcuni stereotipi di stampo maschilista. Nel corso di tutta la sua carriera e delle sue opere, Carla Accardi svilupperà i temi dell'identità e della creatività femminile. Il "segno" della sua prima fase artistica è rappresentativo, in questo senso, di un linguaggio indecifrabile ed estraneo al contesto occidentale (artistico ma anche sociale) dominato dagli uomini. Successivamente, insieme a Elvira Banotti e Carla Lonzi, fonderà il gruppo di attiviste "Rivolta Femminile".
La carriera artistica individuale della Accardi inizia ufficialmente nel 1950, quando, nella Libreria Age d'Or di Roma, viene tenuta la sua prima mostra personale.
Nel 1951 si inserisce negli ambienti delle Libreria Salto di Milano, luogo di ritrovo preferito degli esponenti del MAC (Movimento per l'Arte Concreta).
Nel 1955 tiene una propria mostra personale alla Galleria San Marco a Roma. Sempre nel 1955 ottiene un buon riscontro internazionale, venendo invitata da Michel Tapié alla Rassegna Internazionale Individualità di Oggi, presso la Galerie Rive Droite di Parigi.
A partire dal 1957, abbandona progressivamente il colore e realizza le c.d. Integrazioni dove il bianco guizza sul nero, facendosi luce pura.
Dal 1960 in poi Carla Accardi riprende ad utilizzare il colore, in opere come Blu Concentrico.
Nel 1965 la pittrice avvia un processo di rivoluzione artistica e concettuale. Difatti, abbandona le tempere e inizia a utilizzare vernici colorate e fluorescenti. Abbandona, sopratutto, la forma quadro, lavorando su dei supporti plastici trasparenti, così da sfruttare e coinvolgere maggiormente lo spazio. Tenda (1966) è una delle opere più interessanti e originali di questo periodo.
Negli anni Settanta propone una pittura fatta di geometrie reiterate sui c.d. Lenzuoli, che presenta nel 1974 alla Galleria Editalia in Roma.
Nei primi anni Ottanta torna definitivamente alla tela tradizionale.
Nel 1997 entra a far parte della Commissione per la Biennale di Venezia, come consigliere.
Il 23 febbraio del 2014 a seguito di un improvviso malore, muore all'ospedale Santo Spirito di Roma. I funerali si svolsero cinque giorni dopo, presso la sala del Carroccio in Campidoglio.


MOSTRE

  • 2013 Sculture, disegni, immagini e documenti. 2 marzo – 19 aprile. Musma. Matera
  • 2012 Smarrire i fili della voce. 29 giugno – 2 ottobre. Castelbasso.
  • 2011 Segno e trasparenza. 6 febbraio – 12 giugno. Palazzo Valle. Catania.
  • 2010 Carla Accardi. 10 maggio – 6 giugno. Haunch of Venison. New York
  • 2010 Spazio Ritmo Colore. 1 dicembre – 27 febbraio 2011. Museo Bilotti. Roma
  • 2009 Ombre sui muri. 28 aprile – 30 maggio. Galleria Bonomo. Roma
  • 2008 Superficie in cercamica. 4 settembre – 28 settembre. MMOMA. Mosca
  • 2007. Carla Accardi. 25 ottobre – 24 novembre. Galerie Greta Meert. Bruxelles
  • 2006 Cenni e Barlumi. 18 Marzo – 6 maggio. Galleria Minimi. Brescia
  • 2005 Carla Accardi. 8 gennaio – 19 febbraio. Sperone Gallery e New York University. NY
  • 2004 Carla Accardi. 15 maggio – 3 giugno. Galerie Meert Rihoux. Bruxelles
  • 2004 Carla Accardi. 21 ottobre – 28 novembre. Mala galerija. Ljubljana.
  • 2003 Si adagiarono sparse. 28 marzo – 30 aprile. Magazzino d'Arte Moderna. Roma
  • 2002 Carla Accardi. 17 gennaio – 3 marzo. Ville de Paris, Parigi
  • 2001 Carla Accardi. 8 maggio – 15 luglio. Edicola Notte. Roma
  • 2001 Triplice Tenda. 20 maggio – 3 settembre. Contemporary Art Center. New York
  • 2001 Accardi, premio Artista dell'Anno. 4 agosto – 22 settembre- Palazzo Crepadona e Galleria Civica. Belluno e Cortina d'Ampezzo.
  • 2000. Sicofil. 27 maggio – 15 settembre. Galleria Minnini. Brescia.
  • 1999 Trasparences. 9 settembre- Studio Simonis. Parigi.
  • 1998 Installazione per i bambini. 4 febbraio – 3 maggio. Castello di Rivoli. Rivoli.
  • 1997 Ambiente arancio. 4 giugno – 12 luglio. Galerie Meert Rihoux. Bruxelles.
  • 1996 Giochi galleggianti e trasparenze. 7 settembre – 5 ottobre. Galleria Peccolo. Livorno.
  • 1995 Carla Accardi. 7 settembre – 22 ottobre. Kunstverein. Kunstverein.
  • 1992 Carla Accardi. 29 marzo – 10 maggio. Galleria Pieroni. Roma.
  • 1992 Carla Accardi. 4 aprile – 10 giugno. Westend Galerie. Francoforte.
  • 1990 Allegre tinte diurne. 20 marzo – 28 aprile. Galleria Menzio. Torino.
  • 1989 Accardi. 27 gennaio – 4 marzo. Galerie di Meo. Parigi
  • 1989 Carla Accardi.. 26 febbraio – 16 aprile. Galleria Civica. Modena.
  • 1988 Esposizione biennale Internazionale d'Arte. 26 giugno – 24 settembre. Giardini di Castello. Venezia.
  • 1987 Opere Recenti. 5 marzo – 31 marzo. Galleria del Milione. Milano.
  • 1986 Accardi. 21 dicembre – 25 gennaio 1987. Palazzo della città. Acireale.
  • 1985 Le Plastiche. 18 giugno – 18 luglio. Istituto Italiano di Cultura. Madrid
  • 1984 Carla Accardi Opere. 23 Maggio – 30 giugno. Galleria Editalia. Roma.
  • 1983 Trentacinque opere su carta. 12 maggio – 30 giugno. Galleria Millennio. Roma.
  • 1982 Il campo del togliere. Dal 24 aprile. Agenzia Arte Moderna. Roma.
  • 1981 Carla Accardi. Dal 3 febbraio. Galleria Menzio. Torino.
  • 1980 Carla Accardi. Dal 18 aprile. Studio Betti. Milano.
  • 1978 Carla Accardi. Dal 14 febbraio. Studio Betti. Milano.
  • 1976 Origine. Dal 25 maggio. Cooperativa di Via Beato Angelico. Roma.
  • 1975 Carla Accardi. Dal 1 febbraio. Studio Fiori. Firenze.
  • 1974 Sette Lenzuoli. 8 maggio – 31 maggio. Galleria Editalia. Roma.
  • 1972 Carla Accardi. 14 dicembre – 8 gennaio 1973. Galerie L'Atelier. Rabat.
  • 1970 Accardi. 12 febbraio – 10 marzo. Galleria La Polena. Genova.
  • 1968 Accardi. Dal 28 marzo. Galleria Marlborough. Roma.
  • 1966 Carla Accardi. 16 settembre – 31 ottobre. Galerie M.E. Thelen. Essen
  • 1965 Accardi 55/64. 16 marzo – 17 aprile. Galerie Standler. Parigi.
  • 1964 Accardi. 16 ottobre – 15 novembre. Galleria Notizie. Torino.
  • 1961 Carla Accardi Recent paintings. 5 giugno – 24 giugno. New Vision Center. Londra
  • 1961 Carla Accardi. 23 maggio – 10 giugno. Parma Gallery. New York.
  • 1960 Dipinti di Carla Accardi. Dal 1 febbraio. Galleria Notizie. Torino.
  • 1959 Dipinti e tempere. Dal 5 febbraio. Galleria Notizie. Torino.
  • 1959 Accardi Opere Recenti. Dal 9 Dicembre. Galleria La Salita. Roma.
  • 1958 Accardi. Peinteures récentes. Dal 7 giugno. L'Entrance Galerie. Losanna.
  • 1957 Accardi. Dal 4 ottobre. Galleria dell'Ariete. Milano.
  • 1955 Accardi. 16 giugno – 30 giugno. Galleria San Marco. Roma.
  • 1952 Mostra personale. Dal 23 aprile. Galleria d'Arte Contemporanea. Firenze.
  • 1952 Carla Accardi. 5 luglio – 23 luglio. Galleria del Cavallino. Venezia.
  • 1950 15 tempere. 16 novembre – 1 dicembre. Galeria Age d'Or. Roma.