Cento capolavori dalla collezione Della Ragione - Iannaccone

Al Museo della città di Livorno sono riunite le raccolte di due grandi collezionisti, Alberto della Ragione e Giuseppe Iannaccone, per raccontare con cento capolavori l'arte italiana del Novecento.

La rassegna, che s'intitola Vissi d'arte, espone opere di Massimo Campigli, Filippo De Pisis, Renato Guttuso, Aligi Sassu, Emilio Vedova e molti altri.

La mostra mette in luce le personalità dei due collezionisti.

Alberto Della Ragione ingegnere navale, imprenditore e mecenate, già collezionista di arte dell'Ottocento, offre nel 1931 la sua raccolta alla Galleria Milano di Vittorio Barbaroux in cambio di opere di Campigli, Carrà, De Pisis, Morandi e Sironi. Nel tempo la sua collezione si arricchirò di ben trecento capolavori.

L'avvocato Giuseppe Iannaccone inizia a collezionare opere dell'arte contemporanea fin dagli inizi della sua carriera.

Tra le opere esposte Capanni al mare di Carlo Carrà e La finestra blu di Renato Guttuso.


Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati