Aspettando Henry Moore a Firenze

A quasi cinquant'anni dalla mostra al Forte Belvedere, Henry Moore torna a Firenze al Museo Novecento con la mostra 'Il disegno dello scultore. Henry Moore' curata da Sergio Risaliti.

Grazie anche alla collaborazione con la Henry Moore Foundation, l'esposizione propone una selezione di circa settanta disegni, oltre a grafiche, sculture e qualche inedito.

La rassegna si distingue per il carattere inedito della selezione delle opere, che consentirà di entrare nel vivo nella genesi concettuale e formale del lavoro dell'Artista, e il forte legame con il territorio toscano cui Moore fu legato fin dalla giovinezza.

L'intento della rassegna è di approfondire l'importanza della pratica del disegno nel lavoro di Moore e la sua relazione con la scultura, attraverso la rilettura di alcuni temi centrali nella produzione dell'Artista e in particolare il suo rapporto con la natura.

Lo stesso Moore dichiarava: 'L’osservazione della natura è decisiva nella vita dell’artista. Grazie a essa anche lo scultore arricchisce la propria conoscenza della forma, trova nutrimento per la propria ispirazione e mantiene la freschezza di visione, evitando di cristallizzarsi nella ripetizione di formule.'


Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati